Zombie contro piante

Cambierà il tuo modo di vedere il mondo

Zombie contro piante

Gli zombie vagano, le piante digitano.

Zombie contro piante è il nome di un videogioco. In buona sostanza queste due entità si scontrano tra di loro e ti faccio notare che nessuno dei due è umano.

ho scelto questo titolo per rispondere ad un video rilasciato dal professor Corrado Malanga che fa una lucida analisi dello stato dei fatti Ma che ovviamente è stata impugnata in modo molto poco lucido.

La credenza popolare e che esista una sorta di guerra tra un qualche cosa di ignoto chiamato Deep state ed i poveri esseri umani.

Il Deep State

La potenza di questa vulgata consiste nel fatto che chiunque si schieri In opposizione a questo Deep state sia dalla parte del bene e quindi sia un coraggioso eroe che si batte per la libertà.

quello che si tende ad ignorare e il fatto invece che la verità è un’altra.

Esistono SÌ due schieramenti in guerra tra di loro, ma nessuno dei due si può annoverare tra gli umani. Quello che vi sto raccontando non è una storia fantascientifica di esseri giunti da pianeti diversi, ma una realtà fatta di un qualcosa che vive già dentro di noi.

Carl Gustav Jung

Carl Gustav Jung li chiamava Daimon, una mezza specie di mister Hyde che vive dentro ognuno di noi.

Esistono tre particolari categorie di Daimon: distruttivi, autodistruttivi, dominatori.

Quello a cui stiamo assistendo è in realtà una guerra tra due Daimon: un autodistruttivo ed un dominatore.

Per capire di quali tipi di Daimon si tratti, rimando ai miei studi sulla Matrice Interiore e al mio prossimo libro, “il demone alieno”.

Ci sono orde di persone che credono fermamente di essere dei “risvegliati”, mentre in realtà hanno lo stesso identico comportamento dei loro antagonisti.

Analizziamolo insieme:

  • Convinzione di essere nel giusto;
  • Diffusione di idee arbitrarie e non verificate;
  • Disprezzo dell’antagonista.

che lo si voglia ammettere o no sono identici.

Zombie contro Piante

In tutta questa confusione naturalmente ci sono anche degli individui abbastanza discutibili che sguazzano nel caos. Ci sono diverse organizzazioni ad esempio che stanno prendendo potere attraverso la scusa della sovranità individuale, cosa che fa parte dei diritti naturali dell’uomo e non di qualche artificio legale creato ad arte nello stesso ambiente dominato poi da chi invece vorrebbe sottomettere l’intera umanità.

Ci vuole tanto a distinguere la differenza quando è nessuna?

Sembra di sì.

Altro fattore di cui sono profondamente certo e che questa situazione fa comodo a tantissime persone che in cuor loro sperano non debba mai finire perché altrimenti sarebbero condannati a ritornare nella condizione mediocre in cui si trovavano in precedenza.

Anche quelli che stanno formando gruppi corpuscoli organizzazioni associazioni comitati e compagnia cantante perderebbero quella spinta che la paura sta fornendo alle persone per aderire.

In tutto questo dunque ci troviamo in questa sorta di finta partita tra zombie contro piante. La differenza tra i due sta che mentre gli zombie vagano, le piante rimangono statiche ben ficcate dietro le loro tastiere ad ordire trame per rovesciare il potere.

Mi si potrebbe controbattere il fatto che in realtà le piazze italiane sono state letteralmente invase di persone per cui non si tratta di piante grasse a tutti gli effetti.

Sono stato in quelle piazze ho camminato tra quelle persone, li ho osservati.

Moltissime di quelle persone, fanno parte di quella che chiamo la Maggioranza Silenziosa. Sono persone che senza aderire a gruppi gruppetti gruppuscoli e senza seguire questo o quel guru della controinformazione sono scesi in piazza per partecipare e manifestare il loro dissenso.

Semmai ci dovesse essere un vero vincitore in questa guerra sarebbero loro, come sempre è accaduto in questo paese, che non è fatto di rivoluzionari ma di una grande maggioranza silenziosa che pensa, soppesa, prende le sue decisioni e determina la rotta.

Funerali di Guido Rossa

L’immagine qui sopra e una delle più autentiche rappresentazioni del concetto. È una nota fotografia dei funerali di un uomo della Maggioranza Silenziosa, ucciso da dei rivoluzionari che volevano combattere il sistema.

Se si sta cercando una soluzione, fortunatamente è già qui, né con gli zombie né con le piante, ma nella Mente delle persone che hanno un pensiero critico ed autonomo, che vivono il qui e ora.

Se vuoi essere come loro la soluzione è sempre una:

Conosci te stesso

Ricorda di visitare la sezione –>LibrI <—

Condividilo dove vuoi

 

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento

Utilizzando il sito o continuando la navigazione, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi